Che cosa ho imparato dal mio tatuaggio

Coloro che mi conoscono o che mi seguono sanno che lo scorso lunedì mi sono fatta un bellissimo tatuaggio.

 

L’ho adorato dal primo momento e lo adoro anche ora, nonostante sia in fase di guarigione e, quindi, un po’ bruttino e unto.

Ma farmi questo tattoo, il primo sulla gamba (ne ho altri tre ma in punti diversi), mi ha insegnato molto.

nuovo tatuaggio

“Cosa potrà mai insegnare un tatuaggio?” vi chiederete voi. Ebbene, ogni esperienza è capace di trasmettere qualcosa e anche in questo caso sto imparando molto.

Ho imparato che si può sopportare il dolore per avere qualcosa di bello.

Ho imparato che a volte devo sottostare al volere del mio corpo. E questo è stato davvero difficile poiché, ancora oggi, non posso correre e non posso fare alcuni movimenti per evitare di rovinare questa opera d’arte. E’ dura ma devo essere in grado anche di non diventare schiava della stessa attività fisica.

Ho imparato che ci si può abituare a tutto, anche alla necessità di girare bardati in casa per evitare che il proprio adorabile gattino ci usi come albero della cuccagna rovinando il tatuaggio e provocando una bella infezione.

Ho imparato che a volte ti arrivano doni da fonti inaspettate e che le fonti sicure, invece, possono essere deludenti.

Ho imparato ad usare le gonne larghe in modo creativo.

Ho imparato a fidarmi di me stessa.

Ho imparato tutto questo grazie ad un po’ di inchiostro, quattro ore di dolore e un disegno magnifico che mi accompagnerà tutta la vita.

 

Tags: , , ,

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Leave a Reply

*